L'Anello Azzurro




L'anello azzurro di Girolago abbraccia l'intero lago d'Orta. Lungo 40 km è suddiviso in tre tappe che possono essere percorse combinando trekking e mountain bike alla mobilità alternativa (treno e battello).

Il percorso è contrassegnato sul terreno da frecce e segnapassi riportanti il logo di Girolago.



Tratto Omegna - Orta

Paesi toccati: Omegna, Borca, Crabbia, Pratolungo, Pettenasco, Carcegna, Miasino, Legro d' Orta.
Percorribile a piedi. In MB solo per esperti.
Lunghezza: 14 km


Tratto Orta - Pella

Lunghezza 14 km.
Percorribile a piedi e in mountain bike.


Tratto Pella - Omegna

Paesi toccati: Pella, Ronco Sotto e Sopra, Oira, Brolo, Bagnella, Omegna
Percorribile a piedi. L'uso della MB è sconsigliato per la pericolosità di alcuni tratti.
Lunghezza 12,3 km



Consigliamo di prestare particolare attenzione nei seguenti tratti critici che, a causa di eventi metereologici o per la crescita della vegetazione, potrebbero presentare situazioni difficili in determinati periodi dell`anno:



Ronco Superiore - Oira

Corconio - Torre di Buccione 
Borca - Crabbia


1 commento:

Unknown ha detto...

Abbiamo percorso ieri l'anello azzurro in MTB. Percorso definito di difficoltà media e intrapreso da due persone ben allenate... Chi ha classificato come medio l'itinerario è stato decisamente ottimista nonché un po' approssimativo dal momento che sulla cartina distribuita dall'ente del turismo dei laghi si fa riferimento ad un dislivello di 250 m non veritiero ma soprattutto non viene menzionata la lunghezza di una mulattiera in salita che, per chi porta con sé una bici, non è affrontabile in sella e risulta essere davvero impegnativa con bici alla mano. Sul percorso tra i boschi, causa sicuramente del maltempo, vi sono diversi intralci con alberi a terra da scavalcare. In discesa è altresì impossibile stare in sella, quindi ulteriore tragitto a piedi con bici a mano con freni costantemente tirati. Da Omegna, data l'eventualità di dover affrontare altri sentieri nei boschi, abbiamo gettato la spugna e proseguito il rientro a Gozzano passando dalla provinciale (il rischio della strada era certamente inferiore al rischio di altri tragitti boschivi e ho detto tutto!!). Quindi per concludere, consiglieremmo una revisione del percorso con annessa una manutenzione dei sentieri ed infine una riqualificazione del livello di difficoltà aggiungendo la voce "solo per persone estremamente motivate e ultra allenate sia di gambe che di braccia". Buona domenica dai survivors! Annalisa e Fabio

Per iscrizioni e informazioni

Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone
Via Fara 7/A
28028 Pettenasco (NO)
P.IVA 01741310039 - C.F. 93016190030

Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621) all' Ecomuseo.

Orari: da lunedì a venerdì 9,30-12,30
info : ecomuseo@lagodorta.net




Gli amici del Girolago

Fan di Girolago