giovedì 9 aprile 2009

GIROLAGO 2009

E così si riparte…
Dopo la tappa invernale del primo marzo, da Crusinallo a Gattugno e Casale, Gravellona, Granerolo, tra massi coppellati e concerti di campane, Ecomuseo Cusius ha presentato l’edizione 2009 di Scopriamo Girolago, la manifestazione culturale che ormai da quattro anni propone il tour podistico del lago d’Orta.
Un tour, si badi bene, all’insegna della lentezza – slow walking, lo abbiamo definito – quindi tutt’altro che una gara sportiva. Piuttosto un viaggio dello spirito, concepito e vissuto sull’idea di andare lentamente a ‘ficcare il naso’ in quegli angoli che ci sono sempre sfuggiti, a vedere cosa c’è dietro l’angolo di casa, a constatare come il nostro territorio sia uno scrigno di ricchezze incomparabili, piccole, nascoste, ma incredibilmente numerose. E ricordando come il più grande di questi tesori sia l’amicizia che si viene a creare tra chi cammina fianco a fianco per intere giornate, condividendo la gioia della reciproca compagnia e la sorpresa di mille scoperte.
Un viaggio - si badi bene – proposto innanzitutto alla gente del Cusio, perché del Cusio, dei suoi beni paesaggistici, naturali e artistici siamo innamorati e decisi quindi a proteggerli in ogni modo. E siamo convinti che non vi sia miglior modo per difendere l’ambiente che quello di farlo conoscere e amare innanzitutto a coloro che lo abitano e lo vivono ogni giorno.
Poi ci sono i turisti, gli esterni, le tante persone che ogni anno arrivano – da luoghi sempre più lontani – per partecipare a questa nostra avventura. Il loro regolare ritorno testimonia il valore di quanto abbiamo da offrire e del modo in cui lo offriamo. Testimonia il fatto che camminare a fianco dell’indigeno, l’abitante del posto che strada facendo ti racconta i mille dettagli che solo lui può conoscere – trasformandolo così nella migliore tra le guide turistiche – ha un ‘valore aggiunto’ che nessun tour operator potrà mai fornire, per quanto impegno ci metta.

Girolago nacque cinque anni fa, da un idea dei comuni cusiani che da tempo cercavano il modo di far scoprire i loro territori attraverso la mobilità pedonale e ciclabile. Fallito, per fortuna, il progetto di realizzare una pista ciclabile tutt’attorno al lago, anche attraverso opere faraoniche e quindi di forte impatto, si affidarono a Ecomuseo – di cui tutti sono soci – e questi, partendo dall’intuizione di Fabio Valeggia, che di Girolago è il vero papà, pensò di riutilizzare l’antica rete di sentieri, mulattiere, strade interfrazionali che collegano tra loro i paesi delle rive e dell’interno. E’ un sistema che per secoli ha garantito i collegamenti e gli scambi in tutta la zona, che in alcuni punti ha bisogno di essere riparato – e Girolago sta divenendo uno stimolo potente a queste operazioni – ma che si dimostra ancora pienamente funzionale e adatto allo scopo. Nel frattempo la Regione Piemonte e il Distretto Turistico dei Laghi hanno sponsorizzato l’iniziativa e con i loro finanziamenti si è iniziata la posa di cartelli segnaletici che permetteranno di usufruire dei percorsi anche al di fuori delle giornate organizzate.

E così si riparte…
Il 19 aprile da Oira a Omegna e Pettenasco. Il 10 maggio da Pettenasco a Gozzano. Il 24 maggio da Gozzano a Oira. Dalle rive ai monti circostanti, 15 – 18 kilometri per volta, percorsi così adagio, con tante cose da vedere e ascoltare e odorare e raccontare che neppure ci si accorge di essere partiti e già si giunge alla meta.
Vi aspettiamo…

Massimo M. Bonini
presidente Ecomuseo Cusius del Lago d’Orta e del Mottarone

4 commenti:

Sergio ha detto...

Ma scusate, se Fabio di Girolago è il papi, Monica cosa sarà mai?

Massimo M. Bonini - Bunin ha detto...

Euh, che zabèta!..

Anonimo ha detto...

....Sergio,Sergio...una risposta al tuo quesito un anonimo Paolo ce l'avrebbe....solo che la prospettiva di un rientro da Pettenasco,domenica 19, a nuoto...mi induce a "mozzicarmi" le dita....

Sergio ha detto...

Ciao raga, pronti per domenica? Scaldati i muscoli?
Le previsioni (ad oggi) sono ok!
Sole e nuvole, quel tanto che basta per farci camminare e non sudare molto... se poi ci scappa un temporale...bhe, noi siamo abituati a tutto!!!!!! Già icritti? Ah bene!
NON ANCORA ISCRITTI??????? AHI AHI AHI AHI!!!!!!!! scusate, ma cosa aspettate, non sapete cosa vi perdete!!!
Per l'Anonimo Paolo: un gommone di supporto lo trovo, per cui...dì, dì,dì pure...

Per iscrizioni e informazioni

Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone
Via Fara 7/A
28028 Pettenasco (NO)
P.IVA 01741310039 - C.F. 93016190030

Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621) all' Ecomuseo.

Orari: da lunedì a venerdì 9,30-12,30
info : ecomuseo@lagodorta.net




Gli amici del Girolago

Fan di Girolago

Si è verificato un errore nel gadget